6 Contenuti Efficaci per Creare Engagement su Facebook

6 Contenuti Efficaci per Creare Engagement su Facebook

Al giorno d’oggi non si possono certamente sottovalutare le potenzialità dei Social Media per creare engagement, maggior traffico al sito e quindi più conversioni.

In una buona strategia di social media marketing e di Inbound, i social network rivestono un ruolo di assoluto primo piano, grazie alla loro straordinaria capacità di raggiungere i breve tempo moltissime persone.

Dal punto di vista commerciale, ormai quasi tutte le aziende possiedono una fanpage su Facebook, ma se da una parte può sembrare semplice gestirla e farla crescere, dall’altra è necessaria una buona dose di creatività e abilità per creare un piano editoriale che sia accattivante e di grande appeal.

Non basta certamente pubblicare link ed immagini dei propri prodotti per avere una fanpage vincente. Tutt’altro, dovrete essere in grado di catturare l’attenzione dei vostri fan attraverso contenuti che siano il più originali possibili, che sappiano destare la loro attenzione e che li incitino a seguirvi nel tempo.

In fin dei conti è proprio questa la finalità dell’Inbound Marketing (di cui Facebook è uno degli strumenti principali):

Creare contenuti interessanti e di qualità che diano un reale valore aggiunto alle persone che ci seguono e che le incitino ad apprezzare i nostri prodotti/servizi.

Come si fa quindi per ottenere engagement, cioè coinvolgimento e interazione, da parte dei nostri fan?

Ecco le 6 tipologie di contenuto per farlo con successo!

Le 6 Tipologie di Contenuto ad Alto Tasso di Engagement

1) Status Update

Questa è la tipologia standard e in assoluto più diffusa, ovvero la pubblicazione di un testo, una frase, un link. Si è osservato che i post che ottengono maggior engagement sono quelli con testi molto sintetici e semplici. Non dimentichiamo mai che le persone su facebook ci vanno per svagarsi, spesso durante la pausa o pranzo o la sera dopo una lunga giornata di lavoro. Bando quindi ai post eccessivamente prolissi! Inoltre teniamo sempre in considerazione che la maggior parte degli utenti accede ai social netowork da device mobile in cui il display è molto ridotto rispetto ad un pc: ciò significa che la capacità di lettura è limitata e sarà molto più difficoltoso leggere post molto lunghi.

2) Foto, Immagini e Video

Si tratta di contenuti multimediali, come ad esempio una foto o un video che devono riuscire a promuovere in maniera efficace il vostro prodotto o servizio.

Tra le immagini che possiamo pubblicare funzionano molto i cosiddetti social object, ovvero immagini create appositamente, ad alto tasso emozionale (ad esempio foto di paesaggi stupendi con associate frasi ed aforismi. Ecco un esempio interessante) oppure i Meme, immagini (spesso divertenti e umoristiche) che prevedono l’inserimento del testo nella parte alta e bassa dell’immagine. Chiaramente, questa tipologia di immagini servono a fare branding e quindi a potenziare l’immagine del proprio prodotto anche in termini non propriamente commerciali. Ma si sa, le persone su facebook cercano lo svago, quindi cosa c’è di meglio nel creare contenuti che siano divertenti ed emozionali e che allo stesso tempo rendano più forte l’immagine aziendale? Il nostro obiettivo quando creiamo contenuti per la nostra fanpage deve essere proprio questo:

Cercare di creare engagement attraverso contenuti come le immagini che sappiano rapire e catturare l’interesse dei fan. Ed essere originali è l’unico modo per destare attenzione tra la marea di post che quotidianamente visualizziamo nel nostro newsfeed Facebook.

Talvolta può rivelarsi utile postare anche foto della propria attività con il team al lavoro.

Questo può sembrare un consiglio assurdo, ma molto spesso i post che creano maggior engagement sono proprio questi, perché fanno capire che dietro ad ogni azienda, piccola o grande che sia, ci sono delle persone reali con una storia, prima che una serie di prodotti e servizi.

Per quanto riguarda i video, è doveroso segnalare che Facebook premia quelli caricati direttamente e non quelli condivisi dall’esterno (ad esempio da YouTube o Vimeo). Occorre prestare molta attenzione anche al copyright infatti da questo punto di vista la politica di Facebook è alquanto severa, quindi occhio a cosa pubblichiamo.

3) Eventi

Mentre gli Status Update sono indispensabili e le foto e i video sono importanti, non siamo obbligati ad inserire Eventi all’interno della nostra pagina Facebook, ma io vi consiglio vivamente di farlo, a maggior ragione se un evento lo avete creato realmente.
Se ad esempio hai un ristorante e hai deciso di organizzare un determinato evento non limitarti a fare solamente uno status update o una foto o video di presentazione dell’evento, ma invita i tuoi contatti dalla pagina evento che hai creato, in modo che potrai avere un’idea su chi ha intenzione di partecipare. Inoltre i contatti che hanno deciso di partecipare riceveranno una notifica ogni volta che verrà fatto un nuovo post, perché non farlo quindi?

4) Domande

Si tratta di una specie di quiz o sondaggi in cui l’utente può dare la sua risposta.

La risposta dell’utente può essere multipla e in questo caso dovranno selezionare determinati flag chiamati checkbox, oppure singola e si potrà selezionare una sola risposta cliccando su un apposito cerchio chiamato radio.
La domanda rappresenta il miglior modo per chiedere l’opinione degli utenti su una determinata questione senza dover per forza leggere migliaia di commenti per sondarne il sentiment. Inoltre in genere, le domande dirette creano moltissimo engagement perché sono un chiaro invito all’azione a rispondere.

La straordinarietà del mondo dei social media è anche questa: la possibilità di poter esprimere liberamente la propria voce e il proprio pensiero sugli argomenti più disparati.

I vostri fan amano essere chiamati in causa e dire la loro, quindi perché non interpellarli? Potreste trarre informazioni e consigli molto importanti per migliorare i vostri prodotti e tutto questo assolutamente in maniera gratuita!

5) Traguardi

Sono aggiornamenti che arrivano all’utente su determinati traguardi raggiunti dall’azienda (esempio 50 anni di attività o creazione di una nuova linea di prodotto ecc.). Dal punto di vista dell’immagine aiuta molto, dato che gli utenti quando vedono un’azienda intenzionata a migliorarsi e a raggiungere obiettivi sempre più grandi ed ambiziosi, sente che potrà ottenere molto dando il suo contributo. Mentre al contrario, un’azienda sempre statica che punta a fare sempre le stesse cose, potrebbe essere vista come poco aperta alle novità e al miglioramento.

6) Offerte

Si tratta di un’attività promozionale che serve per pubblicizzare un determinato prodotto ed è molto utile a tutte le aziende, che possono così trovare un modo alternativo per promuovere il proprio prodotto. Nell’offerta è possibile definire una data di scadenza e una descrizione del prodotto. Volendo si può anche fissare un limite al numero delle richieste che si possono ricevere.

Le offerte sono straordinarie per trovare nuovi clienti che ancora non conoscono il nostro prodotto.

Metti il Turbo alla tua Strategia Social con le Tecniche di Inbound Marketing!

L’obiettivo è creare un mix di questi 6 strumenti in modo da avere un piano editoriale interessante e dinamico.

Le fanpage noiose che pubblicano sempre gli stessi contenuti non piacciono a nessuno, ci vuole brio e originalità!

Creare contenuti efficaci e coinvolgenti è possibile grazie alle tecniche di Inbound Marketing.


Author: Alessandro Ferrari

Autore, Imprenditore e Formatore esperto in Comunicazione, Tecniche di Vendita e Inbound Marketing.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *