7 modi per potenziare le campagne DEM nel B2B

7 modi per potenziare le campagne DEM nel B2B

Quante email manda la tua azienda ogni anno?

E in quanti le aprono?

E meglio ancora, in quanti le cliccano e poi comprano da te?

Molte delle aziende che vengono a seguire i miei corsi di inbound marketing non sanno nemmeno quali sono i dati di invio delle loro email.

E questo, lo dico per la salute della tua azienda, è gravissimo!

Perché le email sono uno degli strumenti più importanti per chiudere una vendita nel mondo del web marketing.

Chiedi a te stesso, o a chi si sta occupando ora del lead nurturing e della conversione dei contatti in contatti qualificati da passare dal marketing al team di commerciali, se le email che vengono inviate sono ottimizzate. Molte aziende non lo fanno, altre invece stanno facendo enormi guadagni grazie alla programmazione dell’invio di campagne DEM.

La tua azienda non riesce a portare a termine la lead generation? Fai fatica a vendere? Pensa che le aziende che hanno migliorato con me le proprie email hanno già iniziato a vedere risultati in termini di:

  • Migliore lead generation (l’87% delle aziende B2B trova nuovi contatti tramite le campagne DEM)
  • Lead nurturing molto più efficace (il 73% delle aziende pensa che le email sia il canale migliore per qualificare le leads prima della vendita)
  • Aumento dell’interesse degli iscritti alle email (secondo il 34% delle aziende l’email marketing è una vera e propria priorità per far crescere la brand awareness)
  • Aumento del fatturato (secondo un sondaggio, il 31% delle aziende B2B afferma che le email siano il canale con maggiore impatto sul fatturato)

Io, con la mia azienda, invio decine di migliaia di email ogni mese. E ho seguito milioni di email delle aziende che ho aiutato ad affacciarsi nel mondo del web. Ecco le mie considerazioni con tutta questa esperienza sulle spalle.

1.Email di benvenuto

Di solito l’e-mail di benvenuto è la prima email che un contatto riceve dall’azienda dopo essersi iscritto al blog o ad una newsletter. Invece di utilizzare una semplice email “benvenuto nel nostro blog” o “grazie di esserti iscritto” o addirittura non mandare nulla, perché non inviare una mail che trasmetta un messaggio più forte?

Ricorda, la prima impressione è quella che conta.

Ecco alcune idee per creare l’email di benvenuto:

  • Usa il tono giusto (immagina di invitare la lead nel tuo ufficio)
  • Presenta la tua azienda (inizia a costruire da subito una relazione forte e informale)
  • Aggiungi qualcosa di valore (aggiungi ad esempio il link a un numero di supporto, alle tue pagine social o a un ebook che potrebbe essere utile al tuo nuovo contatto: ti aiuterà a creare la relazione!)

2.Email di ringraziamento

Ricordati di cogliere ogni opportunità di ringraziare i tuoi potenziali clienti! Ad esempio, quando scaricano i tuoi contenuti dal sito!

I miei consigli:

  • Inviala ogni volta che qualcuno completa un’azione nel tuosito
  • Usa un testo semplice, piuttosto che un’email con un template complicato e pieno di immagini, sembrerà più autentica e personale;
  • Includi link che rimandino ai tuoi contenuti, per spronare le persone a scaricare sempre di più dal tuo sito e tornare volentieri a conoscere la tua azienda.

3.Newsletter 

Le newsletter devono raggiungere diversi obiettivi, cioè stare in contatto coi potenziali e con gli attuali clienti e condividere le news della tua azienda e del tuo settore.

  • Usa paragrafi brevi e aggiungi immagini, titoli e sottotitoli
  • Fai in modo che siano semplici, usando pochi colori e un layout semplice
  • Tratta argomenti interessanti PER I TUOI POTENZIALI CLIENTI (a nessuno interessano delle semplici news, te lo posso assicurare!)

4.Email promozionali

Invia un’email promozionale solo se hai una un’offerta conveniente per i tuoi contatti, acquirenti e clienti. Non far diventare le campagne promozionali la normalità, perché

A nessuno piace che gli venga venduto qualcosa

E potresti perdere tutti gli iscritti in poco tempo.

Ricorda: non aggiungere molte spiegazioni, non rendere il testo lungo e noioso.

  • Esponi l’offerta in modo chiaro
  • Includi una semplice spiegazione dell’offerta nel titolo
  • Fai in modo che i contatti agiscano velocemente (il tempo di lettura delle email è moooolto più basso di quello che credi, fai in modo che agire sia semplicissimo e velocissimo!)

5.Email informative

Molte aziende stanno raggiungendo i propri obiettivi con l’inbound marketing includendo anche corsi online e consigli. L’obiettivo di queste email è quello di informare i tuoi potenziali clienti su quello che vendi. Questo metodo è utile per attirare contatti e costruire una forte relazione di fiducia.

I miei consigli:

  • Invia email originali
  • Non aggiungere promozioni
  • Dividi il contenuto in piccole sezioni, perché sia più semplice da leggere.

6.Email testimonial

Le email con i testimonial aumentano la tua brand awareness attraverso il feedback dei tuoi clienti.

Mi raccomando, creale con stile:

  • Crea un design elegante
  • Includi delle immagini e delle loro foto (ancora meglio se hai i video)
  • Aggiungi più informazioni possibili sul cliente, non solo su di te

7.Email per survey

Grazie a questo tipo di campagne DEM, le aziende (soprattutto B2B) possono migliorare il loro servizio basandosi sull’opinione dei loro clienti.

  • Spiega il motivo del questionario che stai facendo (puoi dire che si tratta di un’indagine)
  • Fai le giuste domande
  • Offri degli incentivi per rispondere


Author: Alessandro Ferrari

Autore, Imprenditore e Formatore esperto in Comunicazione, Tecniche di Vendita e Inbound Marketing.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *