Come gestire un Blog Aziendale durante le Ferie

Come gestire un Blog Aziendale durante le Ferie

Un paio di aziende che hanno seguito i miei corsi sull’inbound marketing in Italia mi hanno contattato recentemente per chiedermi come dovessero comportarsi con il blog nei mesi estivi. Seguire una corretta strategia di inbound marketing, infatti, significa creare sempre contenuti nuovi. Non per niente, l’inbound marketing viene chiamato anche proprio content marketing.

Il blog in estate

In estate però, ci sono diversi fattori che ostacolano la normale programmazione dei post blog: tu e i tuoi colleghi andate in ferie, quindi l’azienda non è più a regime, e inoltre, anche se mancano delle persone in azienda, i normali lavori devono continuare normalmente, perché i clienti sono molto esigenti anche nei mesi più caldi. Quindi il tempo per scrivere nel blog inizia a scarseggiare e la voglia di vacanze mina seriamente una buona schedulazione.

Ad aggiungersi c’è anche da considerare il fatto che ti sarai reso conto, dai dati degli anni precedenti, che in estate ci sia meno traffico sul sito, a meno che tu non abbia un’azienda nel settore turistico.

Quindi la domanda sorge spontanea:

Ma in estate devo veramente continuare a scrivere dei post blog?”

La mia risposta è sincera e sicura a riguardo: certo, in estate dovresti continuare a scrivere contenuti per il tuo sito. E ora vediamo insieme il perché.

Contenuti per il futuro

Come insegno sempre nel mio sito e nei miei corsi, il blog aziendale che propone l’inbound marketing non ha nulla a che vedere con la sezione news del sito, ma serve principalmente per attirare traffico da Google tramite la SEO (se non ne sei al corrente puoi leggere questo articolo) e dai social.

Quindi, scrivere articoli durante i mesi centrali dell’estate come Luglio e Agosto non seve solo a trovare traffico in maniera immediata, ma anche a preparare il proprio sito per il boom di traffico che si registra di solito a Settembre. Google infatti non ci mette solo un paio di orette a posizionare il tuo nuovo articolo in prima pagina, è un processo lungo che può richiedere anche un mese.

Quindi il mio consiglio è quello di creare post in estate, vedrai che in autunno sarai felice di averlo fatto.

Come organizzare la pubblicazione

Il problema della mancanza di tempo per creare contenuti in azienda rimane. Voglio darti alcuni consigli per creare i post estivi in maniera più veloce, per risparmiare tempo ma fare un buon lavoro degno di un’ottima strategia Inbound.

  1. Scrivi articoli più corti del solito. Anche se sono ancora in atto delle discussioni su quale sia la lunghezza migliore per un articolo per fare in modo che venga posizionato bene da Google e dagli altri motori di ricerca, ti posso assicurare che il numero di parole che compongono il tuo articolo non ha rilevanza in questo senso. Io ho un blog da quasi 10 anni e i miei articoli non hanno una lunghezza standard, ma si posizionano lo stesso benissimo su Google. Questo non vuol dire ovviamente che puoi scrivere post blog lunghi 5 frasi, non fraintendermi. Se la tua lunghezza normale varia tra le 600 e le 1000 parole (come la lunghezza della maggior parte dei blog post che vengono creati dalle aziende), riducili a 500 per risparmiare tempo.
  2. Parla di argomenti più leggeri. Sono sicuro che anche tu senta la stanchezza che precede le ferie, per cui ti consiglio di scrivere qualcosa inerente magari all’estate. Questo potrebbe avere due effetti positivi. Il primo è dare un po’ di brio al tuo blog aziendale, perché se parli sempre di argomenti troppo tecnici potrebbe diventare troppo piatto e noioso. Il secondo è che questo esercizio ti potrebbe aiutare a guardare il tuo settore da un punto di vista diverso, e inventare nuovi spunti per gli articoli che attirino l’attenzione di chi ti segue da tempo.
  3. Ripubblica vecchi articoli. Ci sono degli articoli che hai fatto in passato e non sono più attuali? Scommetto di si, in ogni blog aziendale esistono contenuti datati che hanno bisogno di una bella rinfrescata. Il mio consiglio è di scegliere gli articoli con contenuti da rivisitare, che hanno informazioni che oggi non vanno più bene e di depubblicarli per migliorarli (sia nel testo che dal punto di vista SEO) e riproporli come nuovi. Facendo così potrai creare post blog in un tempo veramente ridotto, e darai nuova vita a qualcosa che non aveva più il senso di essere letta.


Author: Alessandro Ferrari

Autore, Imprenditore e Formatore esperto in Comunicazione, Tecniche di Vendita e Inbound Marketing.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *