Come Trovare Clienti Online con i Webinar

Come Trovare Clienti Online con i Webinar

L’inbound marketing è una strategia che ti permette di trovare nuovi clienti online utilizzando tutti gli strumenti che la rete ti mette a disposizione. Abbiamo già parlato nella mia guida completa per aumentare il tuo fatturato online e nel mio blog, di come sfruttare il sito web, i social media, le email e le landing page. Ma mi sono accorto nei miei ultimi corsi che soprattutto le aziende B2B si stanno avvicinando ad un altro tipo di approccio, cioè il webinar.

Cos’è un webinar?

La parola webinar viene dall’incrocio delle parole web e seminar, e si tratta di un seminario online che un’azienda può tenere senza obbligare i partecipanti a muoversi dalla propria azienda o dalla propria città, perché possono accedere all’evento direttamente dal proprio PC in un giorno e ora stabiliti precedentemente. Molte volte viene preferito ad un evento reale sia per la facilità di partecipazione, sia per il costo nettamente inferiore (non bisogna affittare location, luci, telecamere, …).

Perché il webinar aiuta a trovare clienti?

Se hai già letto il mio articolo sul blog, saprai che è importantissimo nella nova era web, che tu e la tua azienda veniate visti dai potenziali clienti come esperti in quello che vendete, e in tutto il vostro settore. Per questo io consiglio a tutte le imprese italiane di creare un blog all’interno del proprio sito, in cui spiegare cosa vendono e perché un cliente dovrebbe comprarlo.

Ma nel blog ci sono solo articoli di testo, mentre tramite un webinar i tuoi potenziali clienti potrebbero venire direttamente a contatto con le persone che compongono la tua azienda. Vedere i vostri visi vi rende più umani e più concreti, renderete la vostra azienda molto più vicina a loro e più accessibile.

Prova a pensare alla differenza di interazione che c’è tra la lettura di un testo e la partecipazione ad un evento. Cosa pensi che venga ricordato per più tempo? Cosa pensi che lasci un ricordo migliore nella memoria dei tuoi potenziali clienti?

Un’altra differenza tra il blog e il webinar è il suo valore agli occhi delle persone, per questo per partecipare puoi (anzi devi!) chiedere ai futuri partecipanti di compilare una form. In questo modo ogni persona interessata al tuo prodotto diventerà parte del tuo database, e tu farai lead generation.

L’ABC della creazione di un buon webinar

Se un articolo del blog è complicato da preparare, un webinar lo è ancora di più. Ma questo non deve farti intimorire, perché i risultati che puoi portare a casa sono decisamente migliori, quindi lo sforzo ne vale proprio la pena.

Prima del webinar:

  1. Fai pratica. Prova la presentazione insieme agli speakers e ai moderatori prima che l’evento vada in onda. Sarete tutti più tranquilli ed eviterete imprevisti dell’ultimo secondo.
  2. Crea un #hashtag. Usa twitter come pubblicità gratuita per promuovere il tuo evento, pubblica il link per iscriversi in tutti i gruppi Facebook di settore, in modo che tutti i tuoi potenziali clienti siano al corrente della data e abbiano la possibilità di iscriversi. Creare un @hashtag ti permette anche di imbastire una conversazione con loro. Alcuni consigli per un buon hashtag: gli hashtag non sono case sensitive (non cambia se scrivi alcune lettere in maiuscolo o minuscolo) ma è meglio mettere la maiuscola sulla prima lettera di ogni parola. Non utilizzare spazi. Inizia ad utilizzarlo anche prima dell’evento per condividere delle risorse importanti per il tuo buyer persona, in modo che venga riconosciuto anche quando creerai l’evento e sia per loro più familiare, per spronarli ad iscriversi.
  3. Chiedi cosa si aspettano. Se vuoi creare un buon evento, sappi che deve essere il più interessante possibile per chi ascolta, altrimenti non avrà il successo che immagini. Inserisci delle domande nella pagina di registrazione, chiedi cosa si aspettano dal webinar e qual è il loro obiettivo, le loro risposte ti aiuteranno a personalizzare di più l’evento e renderlo più adatto ai loro interessi.

Durante il webinar:

  1. Prepara tutto con anticipo. Controlla che i presentatori siano tutti presenti almeno mezz’ora prima dell’evento, che i tecnici abbiano controllato il video e l’audio, e che le presentazioni si vedano correttamente.
  2. C’è sempre qualche ritardatario o qualcuno che non ha potuto partecipare. Se registri l’evento potrai promuoverlo anche in futuro, sempre in una landing page, facendoti dare le informazioni di contatto di tutti coloro che vogliono vedere la registrazione del video. In questo modo prendi due piccioni con una fava: se il tuo evento è stato particolarmente bello e interessante, probabilmente chi ha partecipato lo consiglierà ai colleghi, e così raccoglierai molti più contatti.

Dopo il webinar:

  1. Fai un sondaggio di gradimento. Ti può far capire cosa è piaciuto e cosa invece avrebbero desiderato di diverso. Anche qui, non fermarti al sondaggio, ma approfitta delle loro risposte per chiedere se vogliono essere ricontattati per ulteriori informazioni o chiedi loro in cosa altro sono interessati. Poiché le interviste sono completamente personalizzabili (ad esempio se le realizzi con Survey Monkey), studia bene le risposte di cui hai bisogno prima di creare le domande.
  2. Pubblica il link della registrazione. Sfrutta più canali possibili per promuovere il tuo evento anche una volta concluso, per mantenerlo in vita nel tempo. Se gli argomenti di cui hai parlato erano di tipo educazionale, saranno interessanti anche qualche mese più tardi.

Mentre è più difficile che i clienti finali partecipino ad un evento del genere, i webinar si apprestano molto di più per le aziende B2B, che lo usano soprattutto nei giorni centrali della settimana (Martedì Mercoledì e Giovedì). Una volta ottenuti nuovi contatti per la tua azienda, ti consiglio di seguire i passi dell’inbound marketing per chiuderli in clienti.


Author: Alessandro Ferrari

Autore, Imprenditore e Formatore esperto in Comunicazione, Tecniche di Vendita e Inbound Marketing.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *