Come Trovare Nuovi Clienti Online per un Mobilificio

Come Trovare Nuovi Clienti Online per un Mobilificio

Come può fare un’azienda che produce arredamento per trovare nuovi clienti per vendere i suoi prodotti online? Pensiamo a un negozio: la prima cosa di cui si deve preoccupare per non fallire è trovare persone che entrino all’interno. E la stessa cosa la deve fare un’impresa con il suo sito web.

Allora come troviamo visitatori per un sito web di arredamento di un mobilificio?

 1. Intercetta le persone online

Da dove potrebbero arrivare le persone per raggiungere il tuo sito web? I tuoi potenziali clienti possono trovare il tuo sito in due modi:

  1. Dai social (ecco un articolo che parla di come puoi utilizzare i social per l’inbound marketing)
  2. Dai motori di ricerca (nella maggior parte dei casi).

google.png

I motori di ricerca sono strumenti con i quali si possono cercare alcuni termini (detti keyword o parole chiave) all’interno di una grande quantità di siti web, e che mostrano una lista di siti che contengono quelle parole. In Italia il motore di ricerca più usato ad esempio è Google.

2. Scopri cosa scrivono

Cosa scrivono le persone su Google? La gente su Google scrive delle domande e cerca una risposta ai propri problemi. Per capirci, ci sono poche persone che cercheranno il nome della tua azienda. Primo perché non tutti la conoscono, secondo perché vogliono valutare tutte le opzioni possibili. Piuttosto, se stiamo parlando di vendita mobili, cercheranno “dove comprare mobili”, “arredo bagno colorato”, o qualsiasi cosa di cui abbiano bisogno.

Quindi ricorda: non focalizzarti sul nome della tua azienda, ma su ciò che le persone vogliono.

inbound-marketing-pmi

3. Intercetta le loro richieste

Come sapere cosa scrivono e cosa vogliono? Potresti utilizzare vari tools, come il Keywords Planner di Google AdWords, Keywordtool.io, Long Tail Pro, … che messi insieme ti danno idee di keyword utilizzabili. Poi dovresti creare un foglio excel per scoprire quali sono le migliori da utilizzare.

Io utilizzo HubSpot, un software che permette di trovare le keyword adatte ad ogni azienda. Grazie ad un software infatti, puoi capire ad esempio se le persone cercano “mobili” o “mobili soggiorno”, e quanto sono ricercate queste parole.

4. Crea una pagina su Google

Ora che sai cosa cercano le persone nel tuo settore, crea una pagina per ogni parole chiave trovata.

Cosa deve esserci scritto su queste pagine? In ogni pagina scrivi informazioni utili alle persone che cliccano, rispondi al loro bisogno e scrivi quello che (secondo te, conoscendo i tuoi clienti standard) vogliono leggere. Ad esempio io in questa pagina ho spiegato a chi voleva sapere “come trovare nuovi clienti per un’azienda che produce mobili” quello che avevo promesso nel titolo.

Perché servono queste pagine? Perché ogni volta che qualcuno cercherà su Google qualcosa come “mobili soggiorno moderno”, troverà la tua azienda con un articolo che riguarda proprio quell’argomento. E utilizzando la lead generation, quella persona potrebbe diventare un contatto o un nuovo cliente.

Come organizzare tutte queste nuove pagine nel sito? Crea un contenitore per organizzare tutti questi contenuti all’interno del tuo sito web, di solito viene chiamato blog o news ed è diviso per argomenti, proprio come il blog di InboundMarketingFormazione in cui ti trovi adesso.

5. Arriva primo nei risultati di Google

Come puoi arrivare primo senza alcuna conoscenza degli algoritmi di Google?

Con un software come quello che utilizzo io (HubSpot) non ti devi preoccupare, perché quando crei una nuova pagina notifica in tempo reale gli errori che commetti (in rosso) e le azioni corrette (in verde).

6. Non iniziare campagne a pagamento su Google

No, non devi pagare per essere primo. Se segui le indicazioni nella guida gratuita al marketing online, vedrai che riuscirai a raggiungere i tuoi obiettivi. Infatti stai intercettando le richieste e le domande delle persone, quindi rispondere ai loro bisogni ti permette di non pagare per trovare nuovi visitatori. A differenza delle campagne su Google, che ti permettono di rimanere primo finché paghi, con le pagine del blog puoi rimanere a “galla” sui motori di ricerca molto più a lungo.

7. Espanditi all’estero

Se il tuo mercato non è solo l’Italia, puoi ripetere le stesse azioni per paesi esteri (i motori di ricerca funzionano uguali in tutto il mondo!) e trovare nuovi clienti in diverse lingue.

8. Aspetta che i tuoi clienti arrivino

Poiché le pagine che hai creato saranno online 24 ore al giorno e 7 giorni alla settimana, sarai sempre pronto per essere trovato dai tuoi potenziali clienti. Ed è questa la potenza dell’inbound marketing: farsi trovare da chi è interessato di ciò che vendi, piuttosto che sforzarti di trovare clienti tra le milioni di persone che popolano la rete.


Author: Alessandro Ferrari

Autore, Imprenditore e Formatore esperto in Comunicazione, Tecniche di Vendita e Inbound Marketing.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *