Produzione Video Aziendale: 5 Consigli per un Buono Script

Produzione Video Aziendale: 5 Consigli per un Buono Script

Se hai letto la mia intervista sull’importanza per un sito web di avere anche un video aziendale per attirare trafficoe aumentare i tassi di conversione della lead generation, allora probabilmente hai capito quanto sia importante la produzione video per la strategia online, e ti sei fiondato a crearne uno.

E so già come sarà stata la tua esperienza: avrai scelto gli attori con accuratezza, avrai chiamato uno dei più esperti video maker della tua zona, avrai comprato il voice over che più si adatta alla tua azienda, e magari hai perfino chiamato un presentatore. Ma per sfruttare al massimo i tuoi video, devi iniziare con un buono script.

Io nella mia carriera ho realizzato moltissimi video nelle situazioni e occasioni più disparate, e mi sono accorto che per avere successo è importante creare video professionali con un buon design, ma occorre anche un buon testo.  Anche se molti script sono geniali, la maggior parte sono troppo complicati, pieni di tecnicismi, o semplicemente cercano di fare troppo in troppo poco tempo.

Seguendo poche semplici regole, puoi scrivere degli script che ti permetteranno di trasmettere il messaggio in maniera più chiara, concisa e creativa. Ecco i miei consigli:

1.Scrivi per essere ascoltato, non letto

Il modo in cui parliamo è molto meno formale del modo che usiamo per scrivere. Se il tuo script ha un tono colloquiale, suonerà più naturale e renderà il tuo video più interessante e interattivo. Nell’italiano parlato si omettono molte volte i soggetti delle frasi, mentre nello scritto si utilizzano “egli”, “essi”, che ti consiglio di evitare. Non è un tema delle superiori, ma è un video che serve ad attrarre persone.

E ricorda sempre che il testo del tuo script è il fulcro del messaggio che vuoi inviare ai tuoi potenziali clienti, quindi sii chiaro e incisivo.

2.Scrivi frasi corte, focalizzati su un solo pensiero

Le frasi corte e concise fanno risaltare i punti chiave, così chi guarda il video li riuscirà a metabolizzare più velocemente. Usa parole semplici e evita il gergo tecnico. Scegli delle parole come “meglio” invece che “ottimo”, o “fare” invece che “ottenere”.

Se devi per forza usare dei termini tecnici, fallo solo dove necessario e usa solo quelli che verrebbero usati e capiti dalla maggior parte dei tuoi ascoltatori (pensa ai tuoi potenziali clienti: capirebbero tutto velocemente?). Le ricerche dimostrano che perfino un pubblico più tecnico apprezza di più un messaggio chiaro e lineare.

inbound-marketing-pmi

3.Usa le contratture delle parole

A meno che non sia essenziale per il tuo voice-over usare un linguaggio più formale, usa contratture dove possibile. Ad esempio usa “coi” invece che “con i” per rendere lo script più semplice da leggere e più fluido da pronunciare.

4.Leggilo ad alta voce. Fallo leggere da qualcuno.

C’è solo un modo che ti permette di sapere se il tuo script è scorrevole: leggilo ad alta voce. E questo non significa borbottare qualcosa davanti al computer, ma leggerlo come se tu fossi la persona che deve parlare nel video, mimando anche il ritmo e la cadenza non dialettale.

Il testo è ovviamente molto semplice da capire per te che l’hai scritto, per questo avere un’altra persona che lo legge al posto tuo può essere d’aiuto. Se chi lo legge ad alta voce non sarà in grado di individuare facilmente i punti principali, molto probabilmente non ci riusciranno nemmeno i tuoi potenziali clienti. E sarà tutto lavoro per nulla.

5.Hai chiaro il tuo obiettivo?

Molte volte chi deve creare un video non ha ben chiaro quale sia l’obiettivo per cui lo sta facendo, quale sia il tono migliore da usare, quale sia il pubblico di cui vogliono catturare l’attenzione.

Mentre scrivi, decidi se preferisci essere visto come amichevole e informale o più serio e autoritario. Più hai chiaro ciò che vuoi, più lo otterrai.

Cerca qualcuno che abbia la cadenza giusta per leggere il tuo script, dandogli il testo prima in modo che possa provarlo varie volte e che trovi il tono che più si adatta al video che vuoi fare. La prima volta è normale che sia un po’ nervoso, ma più tempo ha per prepararsi e migliore sarà la performance.

I video sono contenuti fondamentali secondo la metodologia dell’Inbound Marketing. Purtroppo un video da solo non basta: serve una landing page in cui inserirlo, un post blog ottimizzato per riuscire a farsi notare su Google, una strategia completa per convertire i visitatori in contatti. Prima di accendere la videocamera, dai un’occhiata al workshop dell’Inbound Marketing in cui ti spiego  tutti i segreti per creare una strategia perfetta.


Author: Alessandro Ferrari

Autore, Imprenditore e Formatore esperto in Comunicazione, Tecniche di Vendita e Inbound Marketing.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *